Il mal di testa è una problematica molto comune che però rappresenta spesso un campanello di allarme generico per avvisarci che qualcosa nell’organismo non funziona come dovrebbe.

I fattori che possono causare il mal di testa sono molteplici come per esempio la mancanza di acqua o di vitamina B12, come problemi all’osso sacro o un vecchio trauma; tuttavia in questo articolo parleremo come lo stress, le emozioni e la tecnologia dalla quale siamo circondati può portare allo svilupparsi di mal di testa.

Campi elettromagnetici

I campi elettromagnetici sono delle radiazioni invisibili che si propagano sotto forma di onde ed attraversano anche la materia solida. Queste onde vengono prodotte in quantità e intensità diverse da qualsiasi elettrodomestico o apparato tecnologico che sia alimentato da corrente elettrica o batteria.

In più si aggiungono le onde elettromagnetiche prodotte dagli strumenti di connessione come telefoni cellulari, WiFi, telefoni Cordless (senza filo).

( Vede Anche Articolo: http://pietseru.com/neutralizzare-le-radiazioni-del-cellulare)

mal di testaCi sono recenti ricerche che dimostrano che alcuni di questi campi elettromagnetici in certe condizioni attraversano la testa alterandone il metabolismo del glucosio, che è il nutrimento primario del nostro cervello. In più questi campi elettromagnetici alterano il ciclo della metilazione, che consiste in processo molto complesso del nostro organismo che sta alla base della maggior parte delle nostre funzioni vitali.

Questi dispositivi, specialmente il cellulare, causano un surriscaldamento della calotta cranica che può causare forti mal di testa anche improvvisi e gravi problemi a lungo termine se non viene usato con moderazione.

Le luci troppo intense di certe tecnologie come la TV, computer, smartphone o tablet possono irritare la retina dell’occhio e provocare infiammazione dei nervi ottici. Di conseguenza questa infiammazione può portare a forti mal di testa accompagnati da sensibilità alla luce.

Queste emissioni luminose in certe circostanze posso alterare gli impulsi nervosi che i nostri occhi mandano al cervello. Per esempio guardare il telefono cellulare al buio di notte causa spesso una sovreccitazione del cervello causando alterazioni alla qualità del sonno. Questo poiché la luce degli smartphone riproduce l’irradiazione solare e confondendo il cervello si crea un cambiamento della produzione della melatonina, ossia l’ormone responsabile e di controllo dei cicli del sonno.

Questo è un aspetto incredibilmente importante poiché gran parte dei mal di testa dipendono dalla difficoltà di un individuo di recuperare energie e mancanza di riposo di qualità.

Negli ultimi anni sono state inserite nel Metodo Sanrocco alcune tecniche per capire se una persona è particolarmente sensibile ai campi elettromagnetici e alla tecnologie che ci circondano. Questo ci permette anche di dare consigli e accorgimenti per cercare di limitare questo tipo di inquinamento quando non è necessario.

Emozioni e Stress

La comunità medica negli ultimi decenni sta prendendo sempre di più la direzione del modello bio-psico sociale il quale afferma che la maggior parte dei problemi cronici e mal di testa hanno influenze emotive come sentimenti negativi, stress accumulati o pensieri ricorrenti.

stress

Quando lo stress continuo di ogni giorno che si somma alle nostre preoccupazioni, all’esposizione elettromagnetica continua delle tecnologie che ci circondano e probabilmente ad una dieta squilibrata, il carico delle nostre ghiandole surrenali diventa eccessivo (leggi l’articolo completo sulle problematiche surrenali)  

Quando queste iniziano a perdere la loro efficienza, cedono anche le difese dell’organismo e quindi possono manifestarsi mal di testa che si presentano tipicamente a metà mattina o metà pomeriggio, alla sera o nel weekend.

Fiorella Belpoggi, direttrice dell’Area Ricerca dell’Istituto Ramazzini e leader di uno studio sull’impatto delle radiazioni sui ratti, afferma che:
Sebbene l’evidenza sia quella di un agente cancerogeno di bassa potenzail numero di esposti è di miliardi di persone, e quindi si tratta di un enorme problema di salute pubblica, dato che molte migliaia potrebbero essere le persone suscettibili a danni biologici da radiofrequenze. Inoltre i nostri dati rafforzano la richiesta di adottare precauzioni di base a livello globale. Semplici misure sugli apparecchi, come un auricolare a molla incorporato nel telefono, oppure segnalazioni di pericolo sia nelle istruzioni che nella confezione di acquisto perché l’apparecchio venga tenuto lontano dal corpo. Certo non immagino che si possa tornare indietro nella diffusione di questa tecnologia, ma sono sicura che si possa fare meglio. La salute pubblica necessita di un’azione tempestiva per ridurre l’esposizione, le compagnie devono concepire tecnologie migliori, investire in formazione e ricerca, puntare su un approccio di sicurezza piuttosto che di potenza, qualità ed efficienza del segnale radio. Siamo responsabili verso le nuove generazioni e dobbiamo fare in modo che i telefoni cellulari e la tecnologia wireless non diventino rischi conosciuti e ignorati per decenni.

Con il metodo Sanrocco e la Chiropratica è possibile andare a cercare e distinguere i diversi tipi di stress che affliggono una persona per creare una terapia mirata.

 

Mathieu Vouillamoz DC

Print Friendly, PDF & Email